Carabinieri arrestati a Piacenza per spaccio, corruzione e tortura: pene ridotte in appello

1 settimana fa 58
DBR - Data Breach Registry Web tool

Pene ridotte per i carabinieri della stazione Levante di Piacenza, arrestati a luglio 2020 e processati con il rito abbreviato. In appello la condanna dell’appuntato Giuseppe Montella, considerato il leader del gruppo, è passata da 12 anni a dieci anni; quella per Salvatore Cappellano da otto anni a sei anni e quattro mesi; per Giacomo Falanga sei anni, per il comandante di stazione Marco Orlando, con il riconoscimento delle attenuanti generiche, da quattro anni a un anno, otto mesi e 20 giorni; per Daniele Spagnolo da tre anni e quattro mesi a un anno e due mesi. Per questi ultimi due è stata decisa anche la sospensione condizionale. Spagnolo era l’unico per cui la Procura generale con il pg Nicola Proto aveva chiesto una riduzione.

La Corte ha anche diminuito la provvisionale al ministero della Difesa, in diecimila euro e quella a Nsc e Pdm, in duemila euro. La case...

Leggi tutto questo Articolo

Carabinieri arrestati a Piacenza per spaccio, corruzione e tortura: pene ridotte in appello